Ogni anno la stessa storia, arriva Babbo Natale (…o, uomo, maschio, di indole portata al disordine) e addobba le case con Albero, Presente, e mille inutili ninnoli di ogni genere e forma, poi spetta alla Befana (…a, donna, femmina, di indole portata all’ordine) dare un colpo deciso di scopa deciso a spazzare vie le feste, e voi lì, storditi da stravizi condonati, in attesa di tornare alla vita di tutti i giorni. Ma “niente cambia se niente cambi”. 
Vecchi e nuovi propositi rischiano di restare ancora una volta immobili, parcheggiati nell’eterna attesa che qualcosa accada. Oggi è l’ultima occasione per darvi un colpo di straccio alla coscienza e spolverare le speranze.

Ma fatelo oggi, non domani, anche solo con il pensiero. Accasciatevi pure sul divano a smaltire pandori e panettoni, ma questa volta prendete carta e penna e liberate la mente da ciò che vi angoscia, scrivete di getto ciò che vorreste cambiare e vi sentirete già più leggeri… fate spazio ai pensieri positivi, come voi anche loro hanno bisogno di ossigeno per sopravvivere!

Se sarete sinceri con voi stessi avrete creato una macchia d’inchiostro che non farà più così paura… per risolvere un problema lo si deve focalizzare, scriverlo su un pezzo di carta è come ammetterne l’esistenza, è questo il primo passo verso la soluzione.

E così anche per quest’anno Epifania tutte le feste porta via, domani torna la routine quotidiana… ma prima di lamentarvi fatevela quella domanda: avete cambiato qualcosa!?! “niente cambia se niente cambi” .

#iomincammino… Buon Cammino nel 2016!

You may also like

Leave a comment